DJ per Locali Pubblici

L’intrattenimento musicale dal vivo per il tuo locale

L’esperienza unita alla selezione dei nostri DJ renderanno davvero uniche le serate nei vostri locali.

Avere un team di professionisti per il vostro locale vi porterebbe questi vantaggi:

  • Organizzazione delle uscite dei DJ (programmazione)
  • Selezione di uno staff adatto al vostro locale
  • Possibilità di variare il DJ in base alla tipologia della serata o della clientela
  • Niente più ansie per capire se il DJ che avete chiamato arriverà o sarà in grado di dirigere la serata

Avete ancora dubbi sui vantaggi che potrete ottenere
affidandovi al più grande team di DJ del nord e centro Italia?

Per informazioni su
DJ, cantanti, musicisti e artisti

Alcuni articoli che ti potrebbero interessare…

6 Luglio 2020
adj channel ascolta la diretta radio

In pieno lockdown nasce ADJ Channel

È datata 30.03.20 la prima diretta ufficiale del nostro canale web-radio (canale ufficiale di ADJ TEAM). In poche settimane abbiamo ottenuto, anche inaspettatamente, un grande successo di ascolti sino ad arrivare a circa 14k agli inizi di luglio ossia 3 mesi e mezzo dopo l’apertura dello stesso. Il successo dei primi mesi è certamente dovuto al periodo di lockdown vissuto da tutti noi, lo stesso però è stato confermato anche con l’apertura delle prime attività e poi suggellato con l’impegno dei nostri Dj e speaker che hanno riscosso un grande successo di ascolti. Il nostro obbiettivo è stato sin dal principio quello di dar respiro ad una situazione diventata poco sostenibile ma anche di trovare un’alternativa a NOI, visto che il nostro settore è stato quello maggiormente colpito da questa situazione. Le proposte all’interno del palinsesto sono molto varie; cerchiamo di rappresentare tutti i generi musicali e associamo ai classici programmi delle rubriche molto interessanti legate al benessere, al wedding e alla tecnologia. La musica viene trasmessa 24/24 – 7/7 mentre le dirette e i programmi iniziano alle ore 09 del mattino e con repliche varie si protraggono sino alle 22 di sera. Come ascoltarci? Sono principalmente 2 i modi per farlo: Scaricando l’applicazione SM RADIO dall’app store o play store. Una volta aperta e dati i necessari consensi non dovrete far altro che andare nella sezione “CANALI” (in alto a dx) e selezionare (tra quelli che compaiono) ADJ CHANNEL Digitare adjteam.it, andare nelle sezione MENU e cliccare su ADJ CHANNEL. A questo punto vi si aprirà una pagina nella quale dovrete cliccare sul tasto play ed il gioco è fatto. Essendo un canale web avrete la possibilità di ascoltarci connettendovi tramite wi-fi oppure dalla vostra linea mobile. Ci potrete ascoltare anche in auto grazie all’utilizzo del bluetooth 😊 ADJ Channel…il canale in movimento
5 Marzo 2020
alcuni motivi per scegliere un dj per il tuo matrimonio

Matrimonio con DJ? Perchè sì

Perché scegliere un DJ per matrimoni e non un altro tipo di intrattenimento? Negli anni la richiesta di DJ per matrimoni certamente aumentata anzi, rispetto a 10 anni orsono è quasi triplicata. Certo il fatto che un DJ per matrimoni sia musicalmente duttile e che possa adattare quindi lo stile musicale in relazione agli invitati è certamente un vantaggio, ma non è l’unico. Ebbene si perché alla duttilità si associa la capacità che la maggior parte dei DJ per matrimoni (non tutti) hanno nel vocalizzare, elemento essenziale per un evento cosi importante. I momenti principali in cui i DJ per matrimoni solitamente speakerano sono i seguenti, ossia: Ingresso sposi Taglio torta Apertura danze Per alcuni matrimoni, in accordo con gli sposi, il DJ per matrimoni è perfettamente in grado di vocalizzare anche durante il momento più divertente, ossia il ballo interagendo cosi con gli invitati. Insomma scegliere l’intrattenimento adeguato per il vostro matrimonio è certamente importante, senza tralasciare l’importanza nel selezionare il DJ che si integri perfettamente con voi e con i vostri ospiti. Il DJ su misura per il tuo matrimonio Il nostro team di DJ per matrimoni, oltre a selezionare tutti i DJ, è in grado di proporvi la figura professionale che meglio si adatta al vostro matrimonio con DJ. Non lasciare che un giorno così importante come il matrimonio venga gestito da persone poco qualificate e magari “non in regola”. Al prossimo aggiornamento
17 Ottobre 2019
Primato dei Riti Civili rispetto a quelli religiosi

Primato dei Riti Civili rispetto a quelli religiosi

Le statistiche sui matrimoni: civili vs religiosi In Questo articolo vorremmo snocciolarvi qualche dato storico circa il n° di matrimoni degli ultimi 2 anni, ossia dal 2018 ad oggi. Nel 2018 sono stati celebrati in Italia 195.778 matrimoni, circa 4.500 in più rispetto all’anno precedente (+2,3%). Prosegue il trend di sposarsi sempre più tardi: attualmente gli sposi al primo matrimonio hanno in media 33,7 anni e le spose 31,5. I matrimoni civili superano i matrimoni religiosi: dati alla mano Sino a qualche anno fa era impensabile che i matrimoni con rito civile superassero quelli con i riti tradizionali sin tanto che nel 2018, per la prima volta nella storia, i matrimoni con rito civile hanno superato quelli con rito religioso e oggi rappresentano il 50,1% del totale delle unioni, a fronte del 49,5% dell’anno precedente, ossia del 2017 (dati ISTAT). Le prime nozze però si confermano con il rito religioso Il “sorpasso”, emerge dai numeri, non è ancora scattato per quanto riguarda le prime nozze, ossia per chi si sposa per la prima volta, dove l’altare batte ancora saldamente la cerimonia in Comune, ma si registra comunque se si guarda il totale delle persone che si sono unite in matrimonio. La crescita del rito civile è trainata dall’aumento delle seconde nozze, passando dal 13,8% del 2008, al 19,9% nel 2018 e dalle unioni in cui almeno uno degli sposi è straniero, passate dal 15% del 2008 al 17,3% del 2018. Un dato molto curioso è che mentre nelle regioni del Nord la quota di matrimoni con rito civile è del 63,9%, in quelle del Sud si attesta a meno della metà (30,4%). Sappiamo che i legami tradizionali sono certamente più al Sud. Le unioni civili Divario anche per il numero di unioni civili (in vigore in Italia dal 5 giugno ’16) dove netta sembra essere la prevalenza di coppie di uomini (64,2%) e più marcata la concentrazione nel Nord (37,2%) a fronte di dati sensibilmente più bassi al Sud (8,6%) e nelle Isole (5,5%). Ciò dimostra che nonostante si dica o ci siano voci di sfiducia verso i matrimoni, il trend, dati alla mano, è completamente diverso.